Imparare il giapponese non è un percorso facile. D’altronde è una delle lingue più difficili da apprendere a causa della sua scrittura e della sua grammatica. Ma con un po’ di motivazione e pazienza, riuscirai a comunicare in lingua abbastanza velocemente. Allora, quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese?

quanto-tempo-ci-vuole-per-imparare-il-giapponese-mosalingua

Cosa troverai in questo articolo?

Quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese?

Secondo il FSI (Foreign Service Institute degli Stati Uniti), un riferimento nel settore delle lingue, ci vorrebbero 88 settimane o 2200 ore per imparare il giapponese. Perché sì, il giapponese è considerata una delle lingue più difficili da apprendere dagli anglofoni (e non solo)!

Secondo uno studio effettuato tra il 2010 e il 2015 dal Centro di Educazione alla Lingua Giapponese, invece, per apprendere le basi del giapponese e comunicare con serenità in situazioni quotidiane sarebbero necessarie tra le 600 e le 1000 ore… se sei uno studente a tempo pieno (quindi se fai circa 33h di lezioni di giapponese alla settimana).

Tuttavia queste sono solo stime. Ricordati che nell’apprendimento di una lingua e nel tempo che richiede confluiscono tanti fattori, qualunque essa sia. Devi considerare la motivazione, se sei in immersione totale o a casa tua, il tempo che passi a studiare il giapponese… Alcuni acquisiscono le basi del giapponese molto rapidamente (in 3 mesi) – anche se è raro – e altri ci mettono sei anni.

Come vedi il raggio è molto ampio. Non c’è quindi una risposta secca alla domanda “quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese?“. Di media, e secondo le testimonianze che abbiamo raccolto un po’ ovunque, ci vuole circa un anno se lavori al tuo apprendimento regolarmente e sei costantemente motivato. Il risultato a cui facciamo riferimento qui è la capacità di parlare di temi semplici con persone giapponesi nella vita quotidiana e avere qualche base in ambito professionale.

Punti chiave per imparare il giapponese

L’obiettivo

Prima di rispondere alla domanda “quanto tempo ci vuole per apprendere il giapponese”, devi chiederti qual è il tuo obiettivo. Vuoi apprendere qualche frase chiave per avere le basi per poter comunicare? Vuoi lavorare in Giappone? Hai bisogno di cavartela nello scritto per i tuoi studi o semplicemente per avere una conversazione con un giapponese? Vuoi capire solo la lingua parlata o anche quella scritta?

A seconda delle competenze che vuoi acquisire e del tuo obiettivo principale, il tuo apprendimento del giapponese sarà più o meno rapido. Se vuoi conoscere qualche frase chiave per quando andrai in Giappone come turista, non ci vorrà più di qualche giorno. Al contrario, se vuoi perfezionare la tua conoscenza della lingua, hai tutta la vita davanti per apprendere ogni vocabolo di giapponese. Anche la padronanza della nostra madrelingua dura una vita intera, se ci pensi, e non è detto che ne conosciamo tutti i segreti o tutte le parole! Personalmente, se mi parlano con un vocabolario nautico specializzato, sono persa. Tu sai cos’è un cabotaggio, un bompresso o un gavitello?

La motivazione

Uno dei fattori più importanti è la motivazione. Tutte le motivazioni per imparare una lingua sono ottime, poco importa che sia per la voglia di viaggiare, per curiosità o per lavorare. Ma senza motivazione non andrai molto lontano. È importante quindi alimentarla. Più sarai motivato, più imparerai velocemente e meglio. E vedendo i risultati che raggiungi, anche la tua motivazione aumenterà. Il che ti farà venire voglia di lavorare ancora di più: un circolo virtuoso utilissimo!

Al contrario, può capitare di avere un calo di motivazione. Se succede è importante (cercare di) continuare a studiare per non perdere quanto fatto finora, e dover ricominciare daccapo. Concentrati  sulle cose che ti piacciono (come leggere i manga, ad esempio). In questo modo, anche se non imparerai altro lessico, regole di grammatica o altro, non abbandonerai totalmente il giapponese e il tuo apprendimento della lingua.

La regolarità

Un consiglio ricorrente che il team MosaLingua dà è di studiare regolarmente a piccole dosi. Studiare 3-4h a settimana in una sola volta non serve a molto. Sicuramente imparerai qualcosa, ma ne dimenticherai velocemente gran parte. Il tuo cervello sarà presto saturo. Di solito, invece, consigliamo di passare dai 10 ai 20 minuti al giorno a studiare la lingua. Per il giapponese, ti consiglio di investire un po’ più di tempo perché è una lingua molto diversa dall’italiano. Anche se non ti darà grandi problemi di pronuncia, ci sono tre sistemi di scrittura da memorizzare e la grammatica è totalmente diversa. Anche solo per questa ragione, dovrai adattarti perché non è così facile come apprendere l’inglese o il russo.

Il mio consiglio: comincia con 20-30 minuti al giorno di apprendimento. Ma prenditi anche del tempo per guardare degli anime o leggere dei manga o ascoltare la radio giapponese. In breve, oltre allo studio individuale, passa del tempo ad ascoltare e a leggere la lingua nipponica. Anche se non è studio vero e proprio, ricorderai meglio e farai progressi più rapidamente.

Se crei la tua bolla di immersione nel giapponese, l’apprendimento passerà da 20 minuti a magari 1 ora al giorno. Ma non te ne renderai conto perché starai imparando divertendoti. Ora ti spiego come fare.

Immergersi nella lingua giapponese

Se vai in Giappone e ti immergi totalmente nella lingua è effettivamente possibile che in 3 mesi tu riesca a cavartela da solo.

Però non tutti possono andare subito in Giappone, no? Come immergersi, allora, nella lingua da casa propria, quando si è studenti o si lavora? Niente di più facile: approfittando di tutto ciò che la lingua giapponese ti propone. Divertendoti, in pratica! Per immergerti nella lingua giapponese dovrai ricreare un ambiente adatto ad apprendere il giapponese in maniera efficace. Ascolta la musica giapponese, ascolta la radio, guarda dei film, delle trasmissioni o degli anime in giapponese (anche con i sottotitoli), cucina giapponese seguendo delle video ricette in lingua ecc. Questo ti permetterà di memorizzare nuovo vocabolario direttamente nel suo contesto e di comprendere meglio come funziona la lingua. Tutto di guadagnato!

leggere in giapponese

 

Apprendere con delle risorse divertenti

Impara divertendoti. Lo ribadiamo, per noi è un motto e un metodo fondamentale. È importante avere dei momenti più “disciplinati”, ma se studi soltanto così è più facile perdere motivazione. Se invece utilizzi delle risorse che ti piacciono, che ti appassionano o che ti servono – dai videogiochi a degli articoli sui tuoi hobby o per lavoro (anche brevi), giusto per darti ancora qualche idea – passerai dal fare “i compiti” all’imparare con un obiettivo molto più ampio e interessante.

E puoi anche utilizzare queste risorse (i testi delle canzoni, le frasi parlate trascritte, un breve articolo) per ampliare il vocabolario o vedere come si costruisce una frase in giapponese. In questo modo assorbi delle nuove regole grammaticali senza passare ore sui manuali.

Un’altra maniera di immergersi nel giapponese è parlare la lingua, non credo che questo ti sorprenda. Non esitare a chiacchierare con dei giapponesi, anche se è soltanto per mezz’ora alla settimana. Il fatto di parlare e di scrivere la lingua ti porterà velocemente ad un altro livello. E chi meglio di un madrelingua può correggere i tuoi errori?

Quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese: fattori da considerare

La conoscenza di altre lingue

Un altro criterio da prendere in considerazione è la conoscenza di altre lingue. Più lingue parli e più sono diversificate, più il tuo cervello è allenato a riconoscere degli schemi ricorrenti. Ed è anche più facile impararne una nuova, perché avrai già interiorizzato il metodo per apprendere una nuova lingua (dai un’occhiata al Metodo Mosa Learning se non ne hai ancora trovato uno efficace). In questo modo ci metterai meno tempo a padroneggiarla.

Una persona che ha studiato cinese ad esempio, avrà più facilità nell’imparare i kanjii in giapponese rispetto a chi ha imparato soltanto lingue con l’alfabeto latino che tutti conosciamo.

Il metodo utilizzato

I metodi di apprendimento non sono tutti uguali. Una persona che decide di immergersi completamente nella cultura del Giappone vivendoci e parlando con le persone del posto imparerà più in fretta il giapponese rispetto chi apprende qualche parola ogni due giorni a casa sua in Italia.

Il metodo utilizzato ha un ruolo super importante nel tuo apprendimento, quindi non sbagliare metodo né strumenti per l’apprendimento!

Tu, tu e ancora tu

Non lo ripeteremo mai abbastanza, ma il tuo apprendimento dipende principalmente da te. La motivazione, il tempo che scegli di investirci, la tua organizzazione… dipendono da te. Nessuno può fare queste scelte al tuo posto.

Ci sono altre domande utili per pianificare al meglio il tuo apprendimento:

  • Che livello vuoi aggiungere? Vuoi semplicemente viaggiare per una settimana e saper chiedere dove mangiare? O vuoi lavorare in Giappone, ad esempio? Sono delle domande alle quali è importante rispondere.
  • Qual è la tua motivazione? Se tu sei un autodidatta, è facile fermarsi per un periodo. Seguire delle lezioni può aiutarti invece ad essere regolare. Se vedi che ti ci vuole più tempo del previsto, ti scoraggi?
  • Quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese? Quanto tempo sei disposto a dedicare per imparare questa lingua? 3 ore una volta alla settimana? 10 minuti al giorno? Presta attenzione al metodo allora!

Quanto tempo per imparare il giapponese: i nostri suggerimenti

Fissarsi degli obiettivi

Che tu voglia visitare il Giappone per una settimana o lavorarci, è importante fissarsi dei piccoli obiettivi. Per esempio, potresti dirti:

  • nel giro di un mese voglio poter parlare in giapponese per 5 minuti oppure descrivermi per 5 minuti. Poi puoi lavorare su questo monologo;
  • nel giro di una settimana voglio conoscere 20 nuove parole;
  • voglio imparare 15 nuovi kanji;
  • puoi anche separare i diversi settori di apprendimento: imparare vocaboli per tre giorni, poi dei kanji per due giorni e infine vedere le regole di grammatica i due giorni rimanenti.

Ci sono tanti modi di imparare. Fissarsi dei piccoli obiettivi raggiungibili lungo tutto il percorso di apprendimento permette di mantenere costante la motivazione. Quindi quantificare le cose ti permette di migliorare rapidamente e, di conseguenza, di restare sempre motivato e imparare sempre di più.

Imparare le parole giapponesi più utili

Secondo la legge di Pareto, utilizziamo solamente e realmente il 20% dell’80% di ciò che noi apprendiamo. Di conseguenza, è meglio concentrarsi su ciò che è più utile prima di iniziare ad approfondire.

In giapponese, il livello di base (per quelli che lo conoscono corrisponde all’esame JLPT N5), che equivale a un livello A1 qui da noi, richiede di conoscere dalle 600 alle 800 parole, 100 kanji nonché avere una solida base grammaticale e una comprensione base all’orale.

Non avere paura di questi numeri. Possono sembrare impressionanti ma imparare una nuova lingua vale veramente la pena! Se apprendi le basi della lingua giapponese e ripeti regolarmente, farai progressi in men che non si dica.

quanto tempo ci vuole per imparare il giapponese

 

Praticare la lingua il prima possibile

Per progredire, bisogna praticare. E benché molte persone siano in grado di comprendere una lingua senza saperla parlare, non ha davvero senso se vuoi interagire con dei giapponesi. Ricorda che i giapponesi non sono famosi per la loro conoscenza dell’inglese, al contrario. È quindi indispensabile saper parlare giapponese, soprattutto se vuoi recarti nel Paese per un soggiorno più lungo.

Anche se sai dire soltanto “Buongiorno, mi chiamo…”, comincia a parlare fin da subito con un giapponese! Fare degli errori ti permetterà di migliorare più rapidamente. Puoi anche cominciare a corrispondere con un giapponese, in questo modo sarà lo scritto che ti aiuterà a comunicare. Per cominciare, allora, impara prima gli hiragana e i katakana, poi introduci piano piano anche i kanji.

 

Per approfondire

Se ti interessa l’apprendimento del giapponese, ecco altri articoli che ti possono aiutare: